STONER di John Williams diventa un FILM

Cari lettori e care lettrici de La Parola ai Libri,
un classico della letteratura americana, Stoner di John William, diventa un film! Pubblicato per la prima volta nel 1965, gode del consenso di milioni di lettori in tutto il mondo, che vorrebbero vedere il romanzo ancora più diffuso e conosciuto. Lo avete letto? La mia copia edita da Fazi mi attende nella libreria, conto di divorarlo al più presto. Allo stesso modo, sono davvero curiosa di scoprire se questo lavoro cinematografico conquisterà come il libro.



TRAMA DEL ROMANZO

William Stoner ha una vita che sembra essere assai piatta e desolata. Non si allontana mai per più di centocinquanta chilometri da Booneville, il piccolo paese rurale in cui è nato; mantiene lo stesso lavoro per tutta la vita; per quasi quarant’anni è infelicemente sposato alla stessa donna; ha sporadici contatti con l’amata figlia e per i suoi genitori è un estraneo; per sua ammissione ha soltanto due amici, uno dei quali morto in gioventù. Non sembra materia troppo promettente per un romanzo e tuttavia, in qualche modo, quasi miracoloso, John Williams fa della vita di William Stoner una storia appassionante, profonda e straziante. Come riesce l’autore in questo miracolo letterario? A oggi ho letto Stoner tre volte e non sono del tutto certo di averne colto il segreto, ma alcuni aspetti del libro mi sono apparsi chiari. E la verità è che si possono scrivere dei pessimi romanzi su delle vite emozionanti e che la vita più silenziosa, se esaminata con affetto, compassione e grande cura, può fruttare una straordinaria messe letteraria. È il caso che abbiamo davanti. La prima volta che l’ho letto sono rimasto sbalordito dalla qualità della scrittura, dalla sua pacatezza e sensibilità, dalla sua implacabile chiarezza abbinata a un tocco quanto mai delicato. Dio si nasconde nei dettagli e in questo libro i dettagli ci sono tutti: la narrazione volteggia sopra la vita di Stoner e cattura ogni volta i momenti di una realtà complessa con limpida durezza […], e attraversa con leggera grazia il cuore del lettore, ma la traccia che lascia è indelebile e profonda.

(faziediore.it)

 

 

I diritti per l’adattamento cinematografico del libro sono stati acquistati nel 2011 da Jason Blum, che ha scritturato Andrew Bovell per la sceneggiatura. Successivamente sono stati ingaggiati il regista Joe Wright e l’attore Premio Oscar Casey Affleck nel ruolo del protagonista. Si preannuncia un film memorabile! E noi non stentiamo a crederlo. Stoner ha conquistato il favore di milioni e milioni di lettori, per cui le aspettative sono comprensibilmente alte! E tenendo presente il cast e chi lavora per questo film, non ci aspettiamo altro che un lavoro magistrale.
Con la regia di Joe Wright, conosciuto per aver diretto, tra gli altri, Orgoglio e pregiudizio, Anna Karenina, Espiazione, ad interpretare il ruolo di William sarà Casey Affleck, vincitore del premio Oscar come migliore attore protagonista in Manchester By The Sea.


“Dal momento che il romanzo è così bello ma così poco conosciuto, ai fan di Stoner piace pensare di essere in una specie di club privato” ha detto Jason Blum, fondatore e amministratore delegato della Blumhouse. “Sono così contento che Casey, Joe e Andrew siano saliti a bordo del progetto per espandere l’appartenenza a questo club. Questo lavoro dalla quintessenza americana sarà portato sul grande schermo da un team internazionale fantastico. Crediamo fermamente che i loro punti di vista messi insieme aggiungeranno alla storia una dimensione più ricca.”


Non ci resta che attendere di conoscere le date di inizio riprese e dell’uscita sul grande schermo, nel frattempo, godiamoci la lettura del libro. Fatemi sapere se vi piace e cosa ne pensate!



 

 

 

Lascia un commento